Parallelo42 2017

Parallelo42 2017 – GARDENS

Tarot garden – “Aesthetica” Niki de Saint Phalle’s secret shelter – Bloum Cardenas

Park Living Art – Art towards nature,  a roundtrip -Piero Gilardi

Superkilen – Globalation – Bjarke Ingels

Vertical Wood – Architecture between technology, man and society- Stefano Boeri

 

 “I work as a gardener or a winegrower. Things mature slowly. For example, I did not find my vocabulary of shapes all in one go. It developed almost despite my will.” Joan Mirò

 

In the new collection of Parallelo42, the Garden symbolizes a parallel ideal between what artistic thought is for man and what gardens represent in nature. As for art, the garden is the place where a spiritual, creative, regenerating dimension of the ego and the environment can be sought, where differences can be pieced together. It is a place of multiple belongings, dichotomies and similarities of natural and artificial spaces, both individual and collective, locus amoenus and hortus conclusus, refuge for the soul, inner resource to share, participate, reinvent.

The leisurely space of the garden is a cultural system, aiming at reclaiming the sense of belonging and responsibility of the natural and collective space, against the loss of identity strongly underlying the sudden globalization of the media, poorly balanced by an effective ability to manage the multiplicity of thoughts and actions, especially in the absence of unpreventable cultural references, replaced by the nihilism underlying consumerism.

The garden stands halfway between nature and artifice, constantly shifting between its natural pre-existence and the desire to plan it. It conveys with innumerable declinations the deep essence of the ego in its ancestral desire to restore the instinctive union between man and nature. Before the existence of cities, man lived his relationship with nature and while evolving, the correlation between built and natural paces opened to infinite changes and multiplications, while following man’s flow of thoughts to produce infinite and multiple ways of “man’s being on earth“.

The collection on the Gardens aspires to a renewed project where the relationship with vital, urban or natural spaces will bring a new vision to the reciprocity between man, society and nature.

Garden and psyche. The garden, an archetypal place of divine epiphanies, is a topic loved and developed in many cultural areas, from architecture to literature, from psychology to philosophy. The garden symbolizes the psyche and its inner state. According to Carl Gustav Jung it is even the archetype of the soul, and its characteristics indicate our degree of evolution, how we face life, what main attitude we adopt towards the world. The garden, a reflection of nature, becomes what Jung called the “objective psyche”. The garden, just like our soul, tells of the multiple sunny spaces or of the darker and hidden ones, of its immaculate and most neglected sections, of its strengths that produce energy for the most vulnerable moments and of its limits, to express which parts still need work to achieve a greater harmony and finally to reach the required balance between all the elements of the garden. Because, as Socrates says, the soul, like the garden, “must be cultivated”. In gardens as in human psyche, harmony and dichotomy, lights and shadows, horizons and limits, motion and stasis, energy and rest all coexist.

Between individual and society. Modern man, throughout history, has regularly felt the need to renew his feeling of participation, and the garden symbolises  empathy and solidarity, which is a strategic passage to build a renewed vision of himself in society. The individual feels the need to discover new relational urgencies that are no longer merely functional to a material wealth, but lead to the nurturing of a collective spirituality. Perhaps that is why some great authors have conceived the garden as a field of continuous experimentation of their centered content, be it on nature or society, on poetry or technology, on philosophy or on scientific research, on world cultures or on intimate self-consciousness.

 

Parallelo42 has always investigated into contemporary issues following multiple aspects. Therefore also on the relationship between Man and Nature as expressed in the Gardens, we propose a tale mixed with emotions, texts and images by involving prestigious authors whose works showcase a particular relevance to the topic of Gardens. In this collection of Parallelo42, we propose the story of some gardens as an excellent model of thought, action, and relationship.

The Garden of Tarot places of aesthetic involvement, in the sense of aesthesis from Greek “sensation”, “perception”, “sensitivity”, involves the senses to convey joy and creativity, kill the monsters of social inequalities, through all the colors of Nature and rainbow. It exalts spirituality by building the space between body and soul, a secret garden where you physically live to isolate itself from the physicality of the surrounding world, a place where everything is thought even the pavement.

The Living Art Park is a place for meeting and experimenting, as well as a place for aesthetic research and social engagement, where new ways of collective being in a renewed relationship between Man and Nature can be found. On the one hand, research is multifaceted, continuous, open and comprehensive of different thoughts. On the other, Nature ultimately remains the only total aesthetic aspiration, capable of expressing cosmic and sharable harmony at the same time. Nature as a place of arrival and departure for new arrivals.

Superkilen symbolizes a public place where globalization is embedded in its daily life, where intercultural union is no longer sought but has become a concrete reality. Superkilen with its democratic language, made of symbols from different cultures that are universally acknowledged, embraces everyone in a familiar, confidential and affable manner, to build a global conviviality, able to welcome and appreciate all local identities.

The Vertical Wood can also be a purely individual place, a sort of contemporary hortus conclusus, amplified and dichotomous in its being simultaneously a secret and public place. Where the ego aspires to eternity through isolation and meditation, here the well-being of the individual, even in its isolation, is actively present in society. Here, sustainable research and technological innovation produce a new poetic of the man-city-nature relationship. Here, the place where the upward thrust of the intimate and secret space of the single condos with garden also overlooks the collective space of the city, becoming a vital presence, granting a substantial contribution and providing new oxygen to all living things.

 

Garden between history and contemporary – the premise of images and words

Thomas Berra: Gardens, Mediterranean origins inspirations

Fabrizio Cotognini: Roman Garden inspirations

Sissi: Greek Garden inspirations

Mauro Reggio: Formal garden inspirations

 

The Gran Kan contemplates an empire of cities weighing on the earth and on men, crammed with wealth and clog, overloaded with ornaments and tasks, complicated by mechanisms and hierarchies, swollen, tense, heavy. – It is his own weight that is crushing the empire – Kublai thinks, and in his dreams, now appear to read cities like kites, cities perforated as lace, transparent cities like mosquito-nets, leaf veining cities, hand line city, watchtower city see through their opaque and fictitious thickness. […] Kublai: I do not know when you’ve had the time to visit all the countries that you describe me. It seems to me that you have never moved from this garden “ Italo Calvino – the invisible cities..

 

Etymologically the word Garden from the French “jardin“, from the German “gard” means to enclose, to surround. The divination of the unknown in the ancient world made nature sacred, so the term “garden” is the original meaning of the word “paradise” derived from the Persian “pairidaez“, then resumed in Hebrew in the form of “pardeš” through the Greek “παράδεισος“, in Latin “paradisus“, whose meaning is precisely the “enclosed garden of the prince” or “park“.

 

In history, gardens express the culture of the people and to this day they tell of the evolution of thought, in people and in society, through the various cultures: from the Egyptian, Persian and Mesopotamian area to the Greek, Roman and later Medieval times; from ancient Chinese and Japanese oriental cultures, such as Zen and Feng Shui, to various European styles such as the Italian, French, English gardens, the Russian imperial gardens and the great African zoological parks, up to the imposing contemporary achievements: large thematic or urban parks, where, thanks to the enhanced technological capabilities, all individuals of all ages, beliefs and cultures, can acknowledge and become aware of the global world.

Various purposes gave rise to gardens since the beginning of history. Gardens arose for the individual pleasure of the privileged classes or for the desire to thrill and subdue the other, to express social status as in the great imperial gardens built with different designs in the different dynasties of the world.

The gardens were also created as a means to relax and escape from the real world, such as the more intimate gardens created by poets and scholars to live their art, or by government officials on leave, soldiers and merchants seeking to re-establish a harmonious relationship with the world and with its own inner essence after a life of wars. The garden is a place of reflection and prayer, a place of contact with nature and creator, as in ancient Greek temples or the medieval hortus conclusus.

All of these motivations, be they fantastic or mystical, playful or representative, are the same as today: public parks or private gardens, residences, public buildings or museums whose proportions, languages and tales have evolved along with the technologies that allow the construction of highly entertaining places where to experience enchanted worlds, or the coexistence of biomes of distant places.

The history of gardens in the world is immense and can be narrated according to infinite points of view, be they thematic or scientific approaches, architectural or botanical, cultural or political. Each story is therefore partial and personal, and ours wants to be just a short story about images, imitating perhaps the “profound understatement” of media language, where images are fast doors, strategic thresholds that give access to new worlds, as long as instinct, curiosity and desire are safe, the same that allowed man to evolve from caves to virtual reality.

For each of the identified areas, the selection of which is deliberately limited and reduced by quantity and variety, we have tried to construe a brief historical account, a tiny collection of great thoughts and new images, to crystallize in a simple visual gesture distant emotions of gardens in the world, told by the works of young contemporary authors.

In the golden envelope of the collection are the precious drawings of: Sissi, Fabrizio Cotognini, Mauro Reggio, Thomas Berra. Four different and deep expressions, four drawings inspired by the history of gardens


Parallelo42 2017 – Giardini

Giardino dei Tarocchi – “Aesthetica” rifugio segreto di Niki De Saint Phalle – Cardenas, Mancini

Parco Arte Vivente – Arte verso natura andata e ritorno – Piero Gilardi

Superklien – Globalizzazione – Bjarke Ingels

Bosco verticale – Architettura tra tecnologia, individuo e società – Stefano Boeri

 “Lavoro come un giardiniere o come un vignaiolo. Le cose maturano lentamente. Il mio vocabolario di forme, ad esempio, non l’ho scoperto in un sol colpo. Si è formato quasi mio malgrado. Joan Mirò

Nella nuova raccolta di Parallelo42 il Giardino è emblema di un ideale parallelo tra ciò che il pensiero artistico è per l’uomo, e ciò che il giardino è nella natura. Il giardino come l’arte è luogo di recupero della dimensione spirituale, creativa, rigenerante dell’io e dell’ambiente, e allo stesso tempo luogo di componimento delle differenze, pluriappartenenze, dicotomie e similitudini di spazi naturali e artificiali, singoli e collettivi, locus amoenus e hortus conclusus, rifugio dell’anima, risorsa interiore, da condividere, partecipare, reinventare.

Lo spazio ludico del giardino è sistema culturale, supporto alla riappropriazione del senso di appartenenza e responsabilità dello spazio naturale e collettivo, contro la perdita di identità fortemente sottesa alla repentina globalizzazione mediatica mal bilanciata da una effettiva capacità di gestione della molteplicità di pensieri e azioni, specie in assenza di ineludibili riferimenti culturali, soppiantanti dal nichilismo sotteso alla massificazione consumistica.

Tra natura e artificio il giardino è a metà strada, in continuo andirivieni tra preesistenza naturale e desiderio progettuale, esso racconta in infinite declinazioni dell’essenza profonda dell’io nel suo ancestrale desiderio di ristabilire istintiva unione tra uomo e mondo naturale. Prima che nelle città, l’uomo vive il rapporto con la natura all’evolversi del quale la correlazione tra spazi costruiti e spazi naturali si diversifica e moltiplica all’infinito, seguendo la scia degli umani pensieri che sortirono molteplici e infiniti “modi dell’uomo di stare sulla terra”.

La raccolta sui Giardini è auspicio di un rinnovato progetto dove il rapporto con gli spazi vitali, urbani o naturali, dia nuova vita e visione alla reciprocità tra uomo, società e natura.

Giardino e psiche. Il giardino, luogo archetipo di divine epifanie, è argomento amato e sviluppato in molti ambiti culturali, dall’architettura alla letteratura, dalla psicologia alla filosofia. Il giardino simboleggia la psiche e il suo stato interiore, secondo Carl Gustav Jung è addirittura archetipo dell’anima, e le sue caratteristiche indicano a che punto evolutivo ci troviamo, come affrontiamo la vita, qual è l’atteggiamento principale che adottiamo nei confronti del mondo. Il giardino, riflesso della natura, diventa quella che Jung chiamava la “psiche oggettiva”. Il giardino come la nostra anima esprime e racconta la molteplicità dei suoi spazi assolati e quelli più bui e nascosti, i suoi ambiti curati e quelli più trascurati, i suoi punti di forza, che producono energia per i momenti di maggior vulnerabilità, e con i sui limiti, quelle parti su cui ancora è necessario lavorare per raggiungere una maggior armonia, e per raggiungere in fine l’atteso equilibrio tra tutti gli elementi del giardino. Perché, come dice Socrate, l’anima, come il giardino, “va coltivata”. Nel giardino come nella psiche umana, coesistono,: armonia e dicotomia, luci e ombre, orizzonti e limiti, moto e stasi, energia e riposo.

Tra individuo e società. Il giardino per l’individuo contemporaneo, di tutte le epoche, che ciclicamente avverte il bisogno di innovare il proprio sentimento di partecipazione, simboleggia: empatia e solidarietà, passaggio strategico per costruire una rinnovata visione del se nel sociale. Necessità di scoprine nuove urgenze relazionali non più meramente funzionali ad una ricchezza materiale ma all’accrescimento spirituale collettivo. Sarà forse per questo che grandi autori si sono misurati con il giardino anche come ambito di sperimentazione continua dei propri contenuti centrati: sulla natura o sulla società, su poesia o tecnologia, filosofia o ricerca scientifica, sulle culture del mondo o sulla più intima coscienza del se.

 

Con Parallelo42 abbiamo sempre indagato questioni inerenti la società contemporanea sotto molteplici aspetti, e per questo anche sul rapporto Uomo – Natura come espresso nei Giardini, proponiamo un racconto fatto di emozioni, testi ed immagini, coinvolgendo autori prestigiosi, il cui lavoro abbai particolare attinenza con l’argomento Giardino. In questa raccolta di Parallelo42 proponiamo il racconto di alcuni giardini eccellenti viatici di racconti diversi, tra pensiero, azione e relazione.

Il Giardino dei tarocchi luogo del coinvolgimento estetico, nel senso di aìsthesis dal greco “sensazione”, “percezione”, “sensibilità”, coinvolge i sensi per trasmettere la gioia e la creatività, uccidere i mostri delle disuguaglianze sociali, attraverso tutti i colori della natura e dell’arcobaleno. Esalta la spiritualità costruendo lo spazio della distanza tra corpo e anima, un giardino segreto dove abitare fisicamente per isolarsi dalla fisicità del mondo circostante, un luogo dove tutto è pensiero, anche il selciato.

Il Parco Arte Vivente luogo di incontro e sperimentazione, ricerca estetica e impegno sociale al tempo stesso, dove trovare nuove strade dell’essere collettivo in un rinnovato rapporto con Uomo – Natura. Da un lato la ricerca molteplice, continua, aperta e comprensiva di pensieri diversi. Dall’altro la Natura alla fine resta quale unica aspirazione estetica totale, capace di esprimere armonia cosmica e condivisibile al tempo stesso. Natura come luogo di arrivo e partenza verso nuovi arrivi.

Superkilen emblema del luogo quotidiano dove vivere istintivamente la globalizzazione, dove l’unione interculturale non è più ricerca ma dato di fatto. Superklien con il linguaggio democratico di simboli universalmente riconosciuti e identificativi delle diverse culture, accoglie tutti in un abbraccio familiare, confidenziale, affabile per costruire una convivialità globale capace di accogliere e valorizzare tutte le identità locali.

Il Bosco verticale può essere anche luogo prettamente individuale, contemporaneo hortus conclusus, amplificato e dicotomico nel suo essere segreto e pubblico allo stesso tempo. La dove l’io assurgeva all’eterno mediante isolamento e meditazione, qui il benessere del singolo, pur nel suo isolamento è presenza attiva nella società. Nel Bosco verticale ricerca ecosostenibile e innovazione tecnologica producono nuova poetica dell’abitare, del rapporto uomo-città-natura. Qui lo spazio dell’io, nel suo protendersi verso l’alto, è totalmente affacciato sullo spazio collettivo della città, divenendone presenza vitale, contributo sostanziale, nuovo ossigeno per tutti gli esseri viventi.

 

Giardino tra storia e contemporaneo – premessa di immagini e parole

Thomas Berra giardini origini mediterranee

Fabrizio Cotognini antichi giardini europei: il giardino romano

Sissi antichi giardini europei: il giardino greco

Mauro Reggio e il giardino formale

  “Il Gran Kan contempla un impero di città che pesano sulla terra e sugli uomini, stipato di ricchezze e d’ingorghi, stracarico d’ornamenti e d’incombenze, complicato di meccanismi e di gerarchie, gonfio, teso, greve. – È il suo stesso peso che sta schiacciando l’impero – pensa Kublai, e nei suoi sogni ora appaiono città leggere come aquiloni, città traforate come pizzi, città trasparenti come zanzariere, città nervatura di foglia, città linea della mano, città filigrana da vedere attraverso il loro opaco e fittizio spessore. […] Kublai: – non so quando hai avuto il tempo di visitare tutti i paesi che mi descrivi. A me sembra che tu non ti sia mai mosso da questo giardino” Italo Calvino – le città invisibili.

Etimologicamente Giardino dal francese jardin, dal franco gard cingere circondare. La divinazione dell’ignoto nel mondo antico rendeva sacra la natura, così il termine “giardino” è il significato originario della parola “paradiso”, derivante dal persiano pairidaez, poi ripreso in ebraico sotto forma di pardeš attraverso il greco παράδεισος, in latino paradisus, il cui significato è appunto “giardino recintato del principe” o “parco”.

Nella storia il giardino esprime la cultura dei popoli e racconta le evoluzioni del pensiero dei singoli individui e della società, nelle differenti culture fino ai giorni nostri: dall’egiziana, persiana e tutta l’area mesopotamica, alla greca, romana e poi medievale; dalle antichissime culture orientali cinese e giapponese, Zen, Feng Shui; ai diversi approcci europei come nei giardini Italiani, Francesi, Inglesi, ai giardini imperiali russi e i grandi parchi zoologici africani. Fino alle imponenti realizzazioni contemporanee dove grande sfoggio è fatto delle possibilità tecnologiche e della conoscenza e consapevolezza del mondo globale, che nei giardini e grandi parchi tematici o urbani, può essere esperita da tutti gli individui di tutte le età, di tutti i credo e culture.

Molteplici motivazioni diedero vita ai giardini sin dall’inizio della storia. I giardini sorsero per il piacere individuale delle classi privilegiate o per il desiderio di emozionare e soggiogare, esprimere il proprio status sociale, come nei grandi giardini imperiali costruiti con estetiche diverse nelle diverse dinastie del mondo. I giardini erano anche luogo progettato e realizzato per rilassarsi e fuggire dal mondo reale, come nei giardini più intimi creati da poeti e studiosi per vivere la propria arte, oppure da funzionari governativi in congedo, soldati e mercanti, per ristabilire un rapporto armonico con il mondo e con la propria essenza interiore dopo una vita fatta di guerre. Ancora, il giardino è luogo di riflessione e preghiera, luogo di contatto con la natura e il creatore, come negli antichi templi greci o negli hortus conclusus medievali. Tutte queste motivazioni, oniriche o mistiche, ludiche o rappresentative, sono ancora oggi moventi che danno vita agli odierni parchi pubblici o giardini privati, di residenze, musei o parchi tematici, le cui proporzioni, linguaggi e racconti, sono evoluti unitamente alle tecnologie che permettono la costruzione di luoghi altamente coinvolgenti dove esperire mondi incantati, o la coesistenza di biomi di luoghi lontani.

La storia dei giardini nel mondo è immensa e narrabile da infiniti punti di vista approcci tematici o scientifici, architettonici o botanici, culturali o politici. Ogni racconto è dunque parziale e personale e il nostro vuol’essere solo un breve racconto per immagini, imitando forse il “profondo sottinteso” del linguaggio mediatico, dove le immagini sono porte veloci, strategiche soglie di accesso a nuovi mondi, purché sappiamo salvaguardare: istinto, curiosità e desiderio, gli stessi che permisero all’uomo di evolversi dalle caverne alla realtà virtuale.

Per ognuno degli ambiti individuati, la selezione dei quali è consapevolmente limitata e riduttiva per quantità e varietà, proviamo a costruire un breve racconto storico, una minuscola raccolta di grandi pensieri e nuove immagini per cristallizzare in un semplice gesto visivo, emozioni lontane di giardini del mondo raccontati da opere di giovani autori contemporanei.

Nella busta oro della raccolta sono i preziosi disegni di: Sissi, Fabrizio Cotognini, Mauro Reggio, Thomas Berra. 4 espressioni diverse e profonde 4 disegni ispirati dalla storia dei giardini.

per avere tutti i testi in italiano scrivere a info@parallelo42.it