Giovanni Bonotto Chiara Casarin

In questo audio il prezioso incontro con Giovanni Bonotto imprenditore e Chiara Casarin curatrice, per parlare di arte e industria tra ricerca e autenticità. L’intervista è nel progetto Contemporaneamente il podcast a cura di Mariantonietta Firmani pensato per Artribune.

Giovanni Bonotto e Chiara Casarin ci raccontano di autenticità come teoria che deve essere valida in tutti i tempi, e di un lusso lascia una traccia molto lieve, mentre l’ ipercomunicazione genera assuefazione e omologazione. Giovanni Bonotto ci racconta come, attraverso gli occhiali della fantasia, la fabbrica diventa una sorgente creativa che produce pensiero. La creatività diventa matrice di piccola comunità produttiva, dove l’essere umano è al centro della realizzazione di prodotti maieutici, transculturali e transgenerazionali. Chiara Casarin parla del lavoro nei musei, fabbriche di immaginazione, di ricerca e restauro, conservazione e curatela, e molto altro. ASCOLTA L’AUDIO DELL’INTERVISTA

BREVE NOTA BIOGRAFICA DEGLI AUTORI
Chiara Casarin è curatore d’arte contemporanea, siede in diverse Commissioni di autorevoli istituzioni museali e fondazioni private per l’arte. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bologna e Dottore di Ricerca in storia dell’arte contemporanea (Scuola Studi Avanzati, Venezia – École des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi). Nel 2015 pubblica il saggio “L’autenticità nell’Arte Contemporanea”.

Il suo percorso professionale coniuga la valorizzazione delle collezioni storiche con la ricerca sull’arte contemporanea e l’applicazione delle tecnologie digitali per la conservazione e la divulgazione del patrimonio storico artistico. Riveste ruoli di rilievo all’interno di prestigiose istituzioni museali. Infatti è Componente del Comitato Scientifico delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, membro del Comitato di studio della Fondazione Canova Onlus di Possagno e della Commissione per il nuovo Bailo dei Musei Civici di Treviso. È membro del Comitato scientifico della Biblioteca Internazionale La Vigna di Vicenza.

Inoltre riveste ruoli di rilievo all’interno di prestigiose fondazioni private. Dal 2016 al 2020 Direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa. Ha condotto ricerche presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, ha lavorato presso la Fondazione Benetton Iniziative Culturali di Treviso, la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna. Attualmente collabora con la Fondazione Giorgio Cini di Venezia. Casarin  è vice presidente di “A Collection”, programma di residenze per artisti volto alla produzione di opere d’arte contemporanea, arazzi, insieme a Giovanni Bonotto presidente.

Giovanni Bonotto imprenditore, titolare e direttore artistico di Bnotto SpA, manifattura tessile alla quarta generazione, fondata da Luigi Bonotto nel 1912. Cinquant’anni più tardi, la competenza creativa e manifatturiera è stata trasformata in un piccolo gioiello di produttività tessile in crescita parallela al sistema moda italiano.

L’azienda si è sviluppata velocemente diventando un’industria verticale a ciclo completo, con più siti produttivi ed oltre 200 maestri d’arte impiegati. Parte del gruppo Ermemeglido Zegna dal 2017 la Bonotto SpA è guidata dai fratelli Lorenzo e Giovanni, che l’hanno portata ad una crescita esponenziale, anche internazionalmente, rendendola punto di riferimento dell’industria della moda globale. La Bonotto è anche una Fondazione nata per promuovere la collezione Luigi Bonotto fondatore è appassionato d’arte, costruita dai primi anni Settanta ad oggi. Infatti, la Fondazione Bonotto conta numerosissime testimonianze tra opere, documentazioni audio, video, manifesti, libri, riviste ed edizioni di artisti Fluxus e delle ricerche verbo-visuali internazionali sviluppatesi dalla fine degli anni cinquanta. La Fondazione mira a promuovere e sviluppare a livello internazionale un nuovo ragionamento tra arte, impresa e cultura contemporanea.

Contrapponendosi alla progressiva svalutazione della produzione massiva a scapito della qualità, Giovanni Bonotto diventa ambasciatore di una nuova maniera di pensare e di produrre. Nasce così “Fabbrica Lenta” fondata su logiche operative morbide, flessibili e fluttuanti, dove il lavoro è prima processo culturale, poi business.  Giovanni Bonotto è presidente di “A Collection”.

infine, in tutti gli incontri con gli autori, scegliamo argomenti attinenti alla ricerca condotta dagli autori invitati. Trovate interviste nelle nostre Produzioni d’arte

Disponibili a richiesta testi e immagini per studi e ricerche. Trovate video degli incontri sul nostro canale Youtube

Newsletter