Lorenzo Canova Patrizia Accorsi

Incontro con Lorenzo Canova storico dell’arte, docente e curatore e Patrizia Accorsi ematologa Direttore del Dipartimento Oncologico Ematologico e Direttore di Medicina trasfusionale presso l’ospedale civile di Pescara. Con loro parliamo di arte e ricerca. Delle Le Muse inquietanti di De Chirico e della paura nelle opere d’arte. Della ricerca italiana eccellenza mondiale nella capacità di mettere al centro l’essere umano. In tutti gli incontri con gli autori, scegliamo argomenti attinenti alla ricerca condotta dagli autori invitati.

L’intervista con Lorenzo Canova e Patrizia Accorsi è nel progetto Contemporaneamente a cura di Mariantonietta Firmani. Il nuovo podcast di Parallelo42 pensato per Artribune.

Breve biografia degli autori
Patrizia Accorsi Direttore del Dipartimento Oncologico Ematologico della ASL di Pescara e Direttore di Medicina trasfusionale dell’ospedale civile di Pescara dipartimento di Ematologia, Medicina trasfusionale e biotecnologie. Inoltre è Past Presidente della Società italiana di emaferesi e manipolazione cellulare (SIdEM). Un prestigioso incarico punto di riferimento di tutta la Medicina trasfusionale italiana, che avvalora il ruolo dell’Uoc di Medicina trasfusionale in ambito regionale e nazionale.

Dopo la laurea in medicina e chirurgia, specializzazione in Ematologia clinica e di laboratorio. Si è occupata nell’ambito del trapianto emopoietico della mobilizzazione, raccolta e manipolazione “ex vivo” delle cellule staminali emopoietiche. Ha contribuito all’introduzione ed applicazione di metodiche per il trattamento di alcune patologie quali la “graft versus host disease nel paziente trapiantato” mediante fotochemioterapia extracorporea, aferesi selettiva per pazienti con gravi patologie del metabolismo lipidico. Inoltre al suo attivo diverse pubblicazioni, la più recente è “position paper” della Società italiana di Medicina trasfusionale e della Società Italiana di emaferesi e manipolazione cellulare, sulla preparazione del plasma iperimmune nei pazienti con COVID-19. Componente in diversi tavoli di lavoro Nazionali (Ministero della Sanità, Centro Nazionale Sangue, Centro Nazionale Trapianti) riguardo temi di natura trasfusionale e raccolta di cellule staminali emopoietiche.

Lorenzo Canova (Roma 1967), storico dell’arte, curatore e critico d’arte. Dottore di ricerca in Storia dell’arte presso l’Università di Roma “La Sapienza”, è professore associato di Storia dell’Arte Contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche, Sociali e della Formazione dell’Università degli Studi del Molise. Inoltre si occupa di arte moderna e contemporanea, con una particolare attenzione all’arte del Cinquecento romano, all’arte della seconda metà del Novecento e all’arte delle ultime generazioni italiane e internazionali.

È fondatore e direttore dell’ARATRO – Archivio delle Arti Elettroniche- Laboratorio per l’Arte Contemporanea, Università degli Studi del Molise, Campobasso. Infatti, con ARATRO vince il bando SILLUMINA promosso dalla SIAE e dal MIBACT ottenendo il maggiore finanziamento nel Settore arti visive, performative e multimediali. Ha curato diverse mostre in prestigiosi musei italiani e internazionali a Roma, Bruxelles, Nuova Deli, Belgrado, Kolkata, Sarajevo, Budapest, Varsavia, e molti altri. Inoltre ha pubblicato studi e saggi su Beato Angelico, Mark Rothko, Pier Paolo Pasolini,[7] Giulio Carlo Argan, Afro, Alberto Burri, Damien Hirst sull’arte del Cinquecento romano, del Novecento, delle nuove generazioni di artisti italiani, seguendo, tra gli altri, il lavoro di Matteo Basilé, Angelo Bellobono, Manfredi Beninati, Alberto Di Fabio, e molti altri. Inoltre collabora con il quotidiano Avvenire. È componente del consiglio scientifico e del board della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico.

Disponibili a richiesta testi e immagini per studi e ricerche. Inoltre trovate video degli incontri sul nostro canale Youtube

Newsletter