NIT Next Italian Thinking

Presentato il progetto internazionale NIT | Next Italian Thinking | tra natura e cultura, pensato per la partecipazione al bando MiBACT “Borghi in Festival”. Il progetto mette insieme otto borghi, cinque regioni, sette istituzioni locali, quattro partner nazionali e un partner internazionale.

NIT | Next Italian Thinking | vuole innescare un processo di innovazione del pensiero dei luoghi, da rivivere con modalità contemporanee, coniugando: storia, natura, tecnologia, e nuove esigenze di vita. Anche stimolando la cooperazione interna alle comunità, con iniziative volte a favorire il coinvolgimento diretto dei residenti e non soltanto dei riferimenti istituzionali. La pandemia costringe tutti gli ambiti individuali, sociali, economici e culturali, a rivedere le proprie certezze. Allora è questo il momento propizio per implementare azioni capaci di generare una nuova visione dell’io, della società e della natura. Infatti, risulta strategico cogliere la necessità-opportunità, avvertita da tempo, di rivitalizzare i borghi, Per innovare sia i luoghi di vita sia i meccanismi di produzione economica, e per contrastare antichi problemi di disoccupazione e spopolamento.

Il progetto, ideato e a cura di Mariantonietta Firmani, ha riscontrato la straordinaria adesione di partner prestigiosi, esempi di buone prassi e capillarmente attivi sul territorio nazionale e internazionale. Anzitutto la scelta dei comuni partner, ha inteso abbracciare borghi di diverse regioni, portatori di culture e tradizioni affini seppur in variegate declinazioni, per condividere e mettere a valore reciprocamente, i contenuti espressi da ciascuno.

Le regioni coinvolte sono rappresentate sia da borghi, sia da enti territoriali di ausilio alla divulgazione e per il coinvolgimento delle comunità locali. Per la Calabria il Comune di Santo Stefano in Aspromonte ha accolto la sfida di essere capofila. Partecipano anche il Comune di Fiumara, e l’associazione ambientalista Save Your Globe e si aggiungerà il Comune di Platì. Per l’Abruzzo partecipano: Comune di Bolognano, Comune di Elice, Comune di Picciano, Museo Ambre e Fossili San Valentino, Museo delle Tradizioni Contadine. La Campania è rappresentata dal Comune di Gesualdo e dall’associazione sportiva ASI Campania. La Sardegna partecipa con il Comune di Seulo e l’Ecomuseo dell’alto Flumendosa. Il Veneto partecipa con il Comune di Tarzo, il Museo dell’occhiale di Pieve di Cadore e la Cooperativa Lassù di Comelico Superiore.

Inoltre, dato rilevante, la partnership strategica e molto autorevole, è stata costruita con il preciso intento di rendere raggiungibili i molteplici obiettivi di progetto.

Fondamentale dunque, risulta l’adesione della Fondazione Banco di Napoli, autorevole partner culturale e co-finanziatore, grazie alla condivisione con la presidente Paliotto e vicepresidente Di Baldassarre. Fondamentali i contributi di Stefano Zedde, CCIIP, area business e avv. Maurizio Borghese, IPlawBG, consulenza legale e brevettualistica. Il coinvolgimento dei giovani sarà perseguito con workshop multidisciplinari e azioni di tutoraggio finalizzate anche all’attivazione di startup e/o  “cooperative di comunità” nel prossimo futuro. Inoltre, Residenze d’artista, innovazione e fascinazione, attraverso le modalità sperimentali e creative dell’arte, intrinsecamente capaci di contaminazione e partecipazione emotiva. Infatti, con Parallelo42 contemporary art saranno attivate prestigiose partnership del mondo dell’arte e della cultura.

In fine, per una divulgazione capillare sul territorio nazionale, abbiamo coinvolto istituzioni rilevanti come Italia Nostra Onlus nazionale presidente Giacometti, e sedi regionali Abruzzo presidente Valente e Calabria presidente Martino. Altro partner strategico è F.I.A.F. Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, presidente Rossi. N.I.T. punta altresì a stimolare internazionalizzazione e impatto economico, attraverso l’attrazione di buyer esteri interessati all’autenticità e qualità del prodotto borghi. Strategica è la partnership con CCIIP Camera di Commercio e Industria Italiana in Polonia, che coinvolgerà buyer di: Spagna Repubblica Ceca, Danimarca, Belgio, Polonia Regno Unito.

N.I.T. | Next Italian Thinking | tra natura e cultura, mira a valorizzare, in sapiente armonia, le eccellenze dei saperi e dei sapori dei vari territori. Attraverso una rinnovata lettura della pluralità, fonte di creatività per le comunità locali, puntiamo a costruire molteplici opportunità culturali ed economiche, per una nuova attrattività insediativa e turistica.

Ufficio Stampa N.I.T. Mariantonietta Firmani

Newsletter