Paolo Crepet Franca Audisio

Con Paolo Crepet psichiatra, sociologo, saggista e Franca Audisio Rangoni imprenditrice presidente Dual Sanitaly SpA, parliamo di società, università, individualità e di impresa tra produzione, innovazione, rispetto per le persone e necessità di mercato.

L’intervista con Paolo Crepet e Franca Audisio è nel progetto Contemporaneamente a cura di Mariantonietta Firmani. Il nuovo podcast di Parallelo42 pensato per Artribune.

In tutti gli incontri con gli autori, scegliamo argomenti attinenti alla ricerca condotta dagli autori invitati.

Paolo Crepet e Franca Audisio ci raccontano della passione che precede l’interesse economico. Nel bene e nel male, le famiglie hanno una influenza determinante sul futuro di ciascuno. Vedere il mondo vuol dire capire le problematiche dei luoghi, ascoltare le persone. Le organizzazioni sovranazionali possono solo proporre consigli, il lavoro è spesso burocratico e inconciliabile con il desiderio di libertà di pensiero. Il lavoro crea ricchezza buona quella che crea valore per la società. L’invidia rende gretti a paranoici, esprime il peggio dell’umanità, è una malattia individuale che però si trasmette facilmente. Non bisogna vincere ma convincere. Ciascuno deve essere innamorato perso del proprio lavoro, che sia l’artigiano sconosciuto o il grande imprenditore. Il lusso è il silenzio. Il rumore copre l’imbecillità. Il lusso è nel poter viaggiare e conoscere il mondo.

E ancora, per Paolo Crepet e Franca Audisio è urgente capire se vogliamo una società algida fatta solo di tecnologia o se vogliamo ancora una società di rapporti umani, di incontri e confronti. L’Italia e L’Europa devono riscoprire l’orgoglio del proprio passato. Chiedere scusa è una lezione di umiltà e grande intelligenza, è la premessa per una società migliore. Le leadership hanno il solo compito di sognare, un leader che non sogna è un dittatore cieco. Dobbiamo però avere sempre ottimismo.

Franca Audisio Rangoni imprenditrice, presidente e Amministratore Delegato della Dual Sanitaly S.p.A. fondata nel 1949.

L’impresa occupa oltre 170 persone, è leader di mercato. Produttrice da oltre 60 anni della famosa cintura “Dr Gibaud”, oggi presente con un’ampia gamma di articoli nel settore salute e benessere. I suoi prodotti parafarmaceutici sono distribuiti in oltre il 90% delle farmacie. Dal 2000 l’azienda è presente nella medicina omeopatica, con un nuovo stabilimento in provincia di Imperia, attività poi riconvertita. Consigliera all’Unione Industriale di Torino e membro del Collegio dei Probiviri. E’ stata eletta Presidente nazionale AIDDA il 19 novembre 2011. Grande impegno per la società. entrata in AIDDA, Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti d’Azienda nel 1975, è diventata Presidente della Delegazione Piemonte Valle d’Aosta nel triennio 1999 – 2001, Consigliera Nazionale per due mandati e Vice Presidente Vicaria per un mandato. Presidente Rotary Polaris nell’anno rotariano 2008/2009. Franca Audisio Nominata Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel maggio 2014.

Paolo Crepet è uno psichiatra, sociologo, educatore, saggista e opinionista italiano. Insegna Culture e linguaggi giovanili presso il corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università di Siena.

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Padova nel 1976 e poi in Sociologia presso l’Università di Urbino nel 1980, nel 1985 ottiene la specializzazione in Psichiatria presso la Clinica Psichiatrica dell’Università di Padova. Lavora, in Danimarca, in Gran Bretagna, in Germania, in Svizzera e in Cecoslovacchia, prima di trasferirsi in India. insegna a Toronto, a Rio de Janeiro e ad Hardward, presso il Centro di Studi Europei. Consulente e coordinatore preso enti pubblici e molti autorevoli istituti di ricerca internazionali come: Istituto Superiore della Sanità, C.N.R., O.M.S. Comune di Roma, Regione Lazio, CENSIS, membro del “Executive Board” del Consiglio Europeo, Federazione Mondiale della Salute Mentalemembro del Direttivo nazionale della Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica. Paolo Crepet insegna e collabora con prestigiose università come: Istituto di Psichiatria e Psicologia Medica della Facoltà di Medicina dell’Università di Napoli, Università di Trieste, King’s College, Università di Londra, Università di Siena.

Crepet è anche grande divulgatore, è nel Direttivo del Comitato Editoriale della Rivista “Epidemiologia e Psichiatria Sociale” e della Rivista “Minerva Psichiatrica”. Collabora con “Specchio” de “La Stampa” e “ Anna”. I suoi saggi e le sue pubblicazioni arrivano al grande pubblico grazie alla partecipazione di Crepet a diversi Talk Show, come Porta a Porta, di Bruno Vespa.

Inoltre Paolo Crepet è autore di oltre 30 saggi. Negli anni ‘80: “Psichiatria senza manicomio” e “Musei della Follia. Il controllo sociale della devianza nell’Inghilterra del XIX secolo”. Negli anni 90 la sua ricerca si sposta sull’individuo, inizia una fortunata produzione di narrativa. “Le malattie della disoccupazione. Le condizioni fisiche e psichiche di chi non ha lavoro”, “L’autorità perduta. Il coraggio che i figli ci chiedono”, “Elogio dell’amicizia”, “Impara a essere felice”, “Educare oggi, con DVD, 2010”; e moltissimi altri. Paolo Crepet si occupa anche dello spazio vitale, con Mario Botta “Dove abitano le emozioni. La felicità e i luoghi in cui viviamo”. Con Renzo Piano membro gruppo di lavoro “periferia”, e consulente progetto “Scuola modello, aree ex Falck”, Sesto San Giovanni. Nella sua ultima opera Vulnerabili Mondadori 2020 analizza cosa è accaduto durante i mesi di lockdown e la lenta ripartenza, e cosa ci aspetta in un presente ancora minacciato dal virus.

Disponibili a richiesta testi e immagini per studi e ricerche. Trovate video degli incontri sul nostro canale Youtube

Newsletter